Appuntamenti
Media e documenti
News dal mondo
News dai soci

Energia, referendum di Amburgo. Silvestrini: "Difficile che la distribuzione torni comunale come in Germania"

In Germania si assiste da un po’ di tempo alla tendenza, da parte delle amministrazioni comunali, a riacquistare le reti locali per la distribuzione dell’energia. Considerando i diversi contesti, il fenomeno tedesco potrebbe attecchire anche in Italia? Eco dalle Città, lo scorso 4 ottobre, lo ha chiesto a Gianni Silvestrini.

7 ottobre 2013

<p>Ad <b>Amburgo</b>, come in altre città tedesche, i cittadini si sono espressi in favore di una <b>rimunicipalizzazione delle reti locali per la distribuzione dell'energia</b>, attualmente in mano a grandi aziende private. In Italia, la rete di trasmissione dell'energia ad alta tensione è gestita da Terna Spa, società a partecipazione pubblica quotata in borsa (l'azionista di maggioranza relativa è la Cassa Depositi e Prestiti), mentre la distribuzione in bassa e media tensione, ovvero la "consegna" dell'elettricità agli utenti finali, è gestita da Enel o da altre aziende locali (come le ex municipalizzate nelle grandi città). Considerando i diversi contesti, <b>il fenomeno tedesco potrebbe attecchire anche in Italia?</b> <br /><b>Eco dalle Città</b> <b>lo ha chiesto a</b> <b>Gianni Silvestrini</b>, direttore scientifico di Kyoto Club e di QualEnergia.<br /><b><br />In Germania si assiste da un po' di tempo alla tendenza, da parte delle amministrazioni comunali, a riacquistare le reti locali per la distribuzione dell'energia. Quali sono le possibili implicazioni ambientali di questo fenomeno?</b><br />Si tratta di una tendenza che ha senso in un contesto come quello tedesco, dove c'è una forte spinta dal basso verso una transizione energetica molto avanzata, in cui si dà sempre più peso alla distribuzione decentrata, alla produzione da fonti rinnovabili e, in futuro, alle smart grid. In quest'ottica, il ritorno a una gestione pubblica delle reti energetiche locali potrebbe portare risultati positivi sia in termini di diffusione delle rinnovabili che di affermazione delle reti intelligenti.</p><p><b>Ritiene che anche l'Italia possa essere interessata da un processo simile?</b><br />Il fenomeno che si sta verificando in Germania è molto interessante, ma dubito che possa essere replicato in Italia, dove la situazione generale è molto diversa.</p><p><a href="http://www.ecodallecitta.it/notizie.php?id=376460">continua a leggere l'intervista</a> </p><p><br /></p>


↑ torna in cima