Nasce il programma di Schneider Electric per combattere la povertà energetica in Europa

European Policy Center, con il supporto della Fondazione Re Baldovino, e Schneider Electric creano Energy Poverty Task Force per prendere in carico le sfide legate alla povertà energetica nell’Unione Europea.

4 febbraio 2016 Schneider Electric

<p>Schneider Electric, specialista globale nella gestione dell’energia e dell’automazione, ha sviluppato un programma per combattere la povertà energetica.

L’azienda e lo European Policy Center, un think tank non profit e indipendente supportato dalla Fondazione Re Baldovino, annunciano la creazione di Energy Poverty Task Force: un’iniziativa per prendere in carico le sfide legate alla povertà energetica nell’Unione Europea.

La povertà energetica riguarda quelle realtà economiche di paesi europei, che non hanno un regolare accesso all’energia per le esigenze basilari.

La presentazione del programma è avvenuta a Bruxelles, il 26 gennaio scorso e presieduta da Maroš Šefčovič, Vice Presidente dell’Unione Europea.

Schneider Electric dal 2013 ha lanciato un programma per combattere le povertà energetiche delle economie mature, ed è da sempre un’azienda volta ad un mercato socialmente responsabile. Il Gruppo agisce su tre aree: educazione, investimenti, tecnologia.

Per avere maggiore efficacia, Schneider Electric ha deciso di collaborare con lo European Policy Center, dando vita alla Energy Povertt Task Force e prendendo come spunto un documento reso pubblico nel 2015, dal titolo Resolving Energy Poverty in Europe, Understanding the Initiatives and Solutions.

Inoltre, Schneider Electric è attiva con altre iniziative; tra queste insieme alla Fondation de France e alla Fondazione Re Baldovino, si è unita alla piattaforma per la lotta alla povertà energetica in Belgio.

Già nel 2014 in occasione del Solar Decathlon Europe, il gruppo Schneider con l’agenzia per l’impiego La Varappe aveva presentato un progetto di social housing, pensato per l’associazione no profit Habitat et Humanisme, dal titolo "Habitat pour tous face à l’urgence" (Emergency housing for all). Obiettivo del progetto era stato quello di creare case progettate a partire da container totalmente riciclabili e dotate della soluzione per l’efficienza energetica Wiser di Schneider Electric, che permette di gestire i consumi energetici.

A settembre 2015 Schneider Electric e Ashoka hanno lanciato un progetto per incentivare lo sviluppo di innovazione sociale volto al miglioramento delle condizioni di vita degli Europei, il Social Innovation to Tackle Energy Poverty. A seguito del progetto, il 7 dicembre, sono stati proclamati 14 vincitori che usufruiranno di un supporto effettivo e diretto.

Visita anche il sito internet European Policy Center.

</p>


↑ torna in cima