Novamont e La Fenice insieme per "Rifiutarsi"

"Rifiutarsi" è il titolo di un libro e di un progetto didattico presentati a Novara lo scorso 27 ottobre.

31 ottobre 2011 Novamont

<p>"Rifiutarsi" è il titolo di un libro nato dalla collaborazione tra <b>Novamont</b>, azienda leader nel settore delle bioplastiche e produttrice del <a href="http://www.novamont.com/default.asp?id=781">Mater-Bi®</a>, e La Fenice, associazione non-profit novarese che si occupa di diffondere la responsabilità sociale e l’etica nelle imprese. </p><p>Il risultato: una interessante <b>iniziativa educativa e multiculturale</b> rivolta ai giovani, alle loro famiglie e agli insegnanti e patrocinata dal Comune di Novara, dalla Provincia di Novara e dall’Assa (Società Novarese Gestione Rifiuti).</p><p>Con la partecipazione di tutto il team che ha contribuito alla sua realizzazione, il libro, nella forma di racconto illustrato, è stato presentato il <b>27 ottobre</b> a Novara nella sala del Consiglio comunale a Palazzo Cabrino, grazie al supporto dell’Assessore comunale all’istruzione Margherita Patti, alla presenza dell’Assessore provinciale alla cultura Alessandro Canelli e dell’Assa.</p><p><b>"Rifiutarsi"</b> è la storia di Filippo, un bambino tenace e determinato che lotta per spiegare agli impegnatissimi genitori e alla sorella maggiore che bisogna iniziare a vivere in modo diverso e a rispettare l’ambiente. Il libro contiene il racconto e un glossario in otto lingue (italiano, cinese, francese, inglese, russo, spagnolo, tedesco, arabo) nonché una serie di illustrazioni che accompagnano lo svolgersi della vicenda e richiamano l’attenzione alla buona pratica della <a href="http://www.novamont.com/default.asp?id=797">raccolta differenziata</a> dei rifiuti a vantaggio dell’ambiente. </p><p>Dopo la presentazione del libro, il pomeriggio è stato interamente dedicato agli alunni: presso la scuola primaria "Ferrandi" sita in Baluardo Partigiani a Novara, si sono svolti <b>laboratori didattici ispirati al contenuto del libro</b>, in cui i piccoli partecipanti hanno dato sfogo alla propria creatività, utilizzando materiali della raccolta differenziata. <br />Il progetto proseguirà lungo tutto l’anno scolastico con la collaborazione delle Scuole in Rete per l’Educazione Ambientale della città di Novara.</p><p><br /></p>


↑ torna in cima