Appuntamenti
Media e documenti
News dal mondo
News dai soci

La linea Palm Design per Banca Etica

La nuova filiale a Perugia dell’istituto di credito specializzato in prodotti finanziari etici sarà ammobiliata utilizzando arredi a ridotto impatto ambientale della linea Palm Design dell’azienda Palm. I prodotti, realizzati ottimizzando gli scarti della produzione del Greenpallet di Palm, assicurano maggiore sostenibilità e minore impatto ambientale.

8 aprile 2011 Palm

<p>La coerenza rispetto ai propri valori e ideali può essere dimostrata in molti modi, non necessariamente eclatanti o spettacolari, ma decisamente concreti ed efficaci. <br />Lo dimostra la scelta fatta da <b>Banca Etica</b> al momento dell’apertura della sua <b>nuova filiale a Perugia</b>. </p><p>Banca Etica è l’unico istituto di credito in Italia ispirato ai principi della <b>Finanza etica</b>, nato per gestire il risparmio orientandolo verso iniziative economiche che perseguano finalità sociali e che operino nel pieno<b> rispetto</b> della dignità umana e <b>dell’ambiente</b>.</p><p>Quando ha dovuto scegliere alcuni arredi per la sua filiale perugina, i vertici dell’istituto hanno deciso di affidarsi a <b>Palm</b>, l’azienda mantovana leader nella produzione di <b>Greenpallet</b>, prodotto di gran lunga più sostenibile rispetto agli altri pallet in commercio. Il prodotto firmato Palm, infatti, é eco-progettato e realizzato secondo i principi di eco design e di LCA, impiega legname proveniente da foreste certificate Pefc e Fsc ed è accompagnato dall’etichetta ambientale AssoSCAI che ne rendiconta ogni fase del suo ciclo di vita.</p><p>Alcuni arredi della filiale, che sarà ufficialmente inaugurata il 9 aprile prossimo con un aperitivo aperto al pubblico a Perugia (dalle 16 alle 19,30 in via Piccolpasso 109), saranno quindi una piccola testimonianza di come si possa fare sistema, incentivando <b>comportamenti responsabili</b> da parte dei cittadini - correntisti. </p><p>Tutti i prodotti della linea <b>Palm Design</b> sono caratterizzati da segni e simboli che vogliono educare il consumatore a riconoscere, valutare e quindi scegliere prodotti realizzati secondo i principi di sostenibilità nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente.</p><p>Banca Etica, il primo istituto di credito a fare questa scelta, con questa iniziativa aderisce e diventa parte attiva della <b>campagna nazionale</b>, intrapresa da Palm, <b>"Fai parte anche tu della filiera bosco – legno - consumatore responsabile"</b>, volta a sensibilizzare sull’uso responsabile e legale della materia prima legno nell’anno internazionale delle foreste per le persone, le aziende che operano nelle filiere del legno, del biologico e del consumo etico e le associazioni dei consumatori e delle imprese responsabili.</p><p>"L’utilizzo del Greenpallet sano, sistemico ed etico per il design della filiale della Banca – commenta <b>Primo Barzoni</b>, Presidente e AD di Palm spa, che proprio a Perugia, nel corso dell’annuale assemblea dei soci PEFC del 1 aprile, è stato eletto Consigliere d’Amministrazione dell’Associazione PEFC Italia – diventa uno strumento per favorire una forte presa di coscienza da parte del consumatore. Un modo per permettergli di valutare e apprezzare le scelte fatte da Banca Etica per essere coerenti con la propria mission. E un veicolo per diffondere comportamenti sani e responsabili, in grado di indirizzare le scelte delle imprese e del mercato verso l’uso di materiali meno impattanti".</p><p>La scelta di <b>legname certificato e di origine locale</b> permette un <b>risparmio del 18% nelle emissioni di CO2</b> per la costruzione di questi arredi e almeno il doppio per il fatto che non sia usata plastica o altri materiali ferrosi. <br />Anche in questo la coerenza della Banca Etica nella scelta di materiali sostenibili è supportata da un’azienda che ha fatto della <b>trasparenza negli acquisti e della certificazione forestale</b> (che assicura la provenienza del legname da fonti legali e sostenibili) la propria peculiarità produttiva.<br />Tutto questo assume ancora più valore se consideriamo che l’anno corrente è riconosciuto dall’Onu come <b>anno internazionale delle foreste</b>.</p><p><br /></p>


↑ torna in cima