Appuntamenti
Media e documenti
News dal mondo
News dai soci

Rinnovabili, mobilità e superbonus: il nuovo governo cambi il PNRR

Dal Recovery Plan dovrebbe emergere una strategia complessiva sul futuro del nostro Paese e andrebbero evidenziate le riforme strutturali per decarbonizzare l’economia. Ma nel Piano c’è un’assenza di visione. Le controproposte di Kyoto Club per il PNRR.

11 febbraio 2021 Fonte: RiEnergia

I fondi che l’Europa ha stanziato con il Next Generation EU, per definizione (letterale!) e per ispirazione, dovrebbero essere uno strumento fondamentale per trasformare l’economia del nostro Paese e accelerare i processi di innovazione, decarbonizzazione, resilienza.

Paradossalmente, però, nel dibattito pubblico sviluppatosi attorno alla crisi dell’ultimo governo, sono sembrati scomparire tanto una visione “alta”, quanto il tema delicatissimo della gestione delle risorse del Recovery Plan. Questione, questa, che avrebbe dovuto essere centrale in un Paese che ha uno dei suoi principali punti deboli nella difficoltà di mettere in campo le procedure per spendere (e spendere bene) le risorse euopee, praticamente da sempre.

Si è dimenticato ciò che è necessario: dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) dovrebbe emergere una strategia complessiva sul futuro del nostro Paese e andrebbero evidenziate le indifferibili riforme strutturali per rendere possibile il cambiamento verso una nuova economia decarbonizzata e salubre, che si fondi su coesione, innovazione sociale e vera equità.

Continua a leggere...


↑ torna in cima