Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a agosto 2020
Icona prezzo del petrolio
18 settembre 2020
Prezzo del petrolio (Nymex): 41,16 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
18 settembre 2020
Prezzo del carbonio (EU): 28,59 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

14 settembre 2020

Le Associazioni per la mobilità chiedono le dimissioni del Presidente ACI: gravi le sue affermazioni sulla sicurezza stradale

La rete delle associazioni per la mobilità sostenibile, ciclistica e per la sicurezza stradale - tra cui Kyoto Club - hanno chiesto oggi le dimissioni del presidente dell'ACI Angelo Sticchi Damiani per le sue gravi affermazioni sulla sicurezza stradale. Per Anna Donati, Coordinatrice del GdL "Mobilità sostenibile" di Kyoto Club, le dichiarazioni del Presidente Sticchi Damiani sono gravissime perché legittimano la prevaricazione e la violenza motoristica sulle strade, l'eccesso di velocità e il superamento dei limiti come un'infrazione priva di conseguenze.

La rete delle associazioni per la mobilità sostenibile, ciclistica e per la sicurezza stradale - tra cui Kyoto Club - hanno chiesto oggi le dimissioni del Presidente dell'ACI Angelo Sticchi Damiani per le sue gravi affermazioni sulla sicurezza stradale.

Le dichiarazioni rilasciate in data 11/09/2020 a Il Sole 24 Ore, riportate sulla pagina Facebook dell’ACI e ribadite in un’intervista a Rainews24 - relative alle nuove norme inserite nel Codice della Strada tramite il Decreto Semplificazioni, sono la negazione di anni di impegni di tutte le varie Istituzioni sul fronte della sicurezza stradale.

In particolare il Presidente Sticchi Damiani afferma che: “[..] in certi tratti è facile sforare i limiti (di velocità n.d.r.) senza particolari pericoli. Ora per favorire le bici e monopattini potrebbero proliferare zone 30, rischiamo di multare tanta gente che va solo a 40”

Questa dichiarazione, oltre ad essere un insulto nei confronti delle circa 3300 vittime e 250 mila feriti falciati ogni anno sulle strade italiane dalla violenza stradale e conduzione sconsiderata dei veicoli a motore, rappresenta anche un indiretto incitamento alla violazione delle leggi dello Stato in materia di circolazione stradale.

"Le dichiarazioni del Presidente Sticchi Damiani sono gravissime - ha dichiarato Anna Donati, Coordinatrice del Gruppo di Lavoro "Mobilità sostenibilità" di Kyoto Club - perché legittimano la prevaricazione e la violenza motoristica sulle strade, l'eccesso di velocità e il superamento dei limiti come un'infrazione priva di conseguenze, quando sappiamo che, combinata con la piaga della distrazione, produce purtroppo 3.300 di morti e 250.000 feriti ogni anno in Italia"

La gravità di tali affermazioni è inoltre aggravata dal fatto che ACI è anche un Ente Pubblico Associativo a cui lo Stato Italiano riconosce alcuni compiti istituzionali nel settore della circolazione stradale dei veicoli e che deve comportarsi come tale, rispettando il diritto di tutti gli utenti della strada, compreso il diritto a non essere uccisi.

Per queste ragioni le Associazioni per la sicurezza stradale e Movimenti Ambientalisti e Cicloattivisti, in memoria di tutte le persone uccise sulla strada dalla violenza motoristica, nel rispetto del dolore dei loro familiari, in solidarietà con le persone rimaste ferite e spesso gravemente menomate, a nome dei pedoni e ciclisti, primi utenti vulnerabili in strada, hanno chiesto:

- che il Consiglio dei Ministri e i Ministeri competenti esigano le immediate dimissioni dalla sua carica del Presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, per quanto dichiarato e più volte confermato;

- che vengano ritirate tutte le competenze attualmente in capo all’ACI e termini ogni forma di contribuzione diretta o indiretta a tale Ente, allontanando immediatamente i rappresentanti dell’ACI da ogni organo consultivo, in quanto non terzi ma rappresentanti di parte;

- che l’Automobile Club d’Italia venga sciolto e che i Ministeri competenti avochino a sé tutte le deleghe ed i servizi ad esso oggi attribuiti, rimuovendo un intermediario non estraneo ad interessi di parte motoristica, che, ad oggi, non ha più motivo di esistere e che ha un costo stimato per le casse pubbliche di 200 milioni di euro l’anno, alleggerendo in tal modo il carico economico sullo Stato, più che mai necessario in questo momento di crisi.

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list