Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a maggio 2020
Icona prezzo del petrolio
7 luglio 2020
Prezzo del petrolio (Nymex): 40,05 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
7 luglio 2020
Prezzo del carbonio (EU): 29,39 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

20 maggio 2020

Clima, con covid-19 calano del 17% emissioni globali di CO2

Lo sostiene uno studio pubblicato su Nature Climate Change da un team internazionale di ricercatori guidato della School of environmental sciences dell’università dell’East Anglia. Ritornati ai livelli del 2006, ma è improbabile che duri senza politiche climatiche efficaci.

«Il lockdown  globale da Covid-19 ha avuto un effetto “estremo” sulle emissioni giornaliere di carbonio, ma è improbabile che duri». Nel 2019, il mondo aveva emesso circa 100 milioni di tonnellate di CO2 al giorno bruciando combustibili fossili e producendo  cemento. All’inizio di aprile 2020 si è scesi a 83 milioni di tonnellate al giorno, con un calo del 17% (intervallo: da –11% a –25%).

A sostenerlo è il rapporto "Temporary reduction in daily global CO2 emissions during the COVID-19 forced confinement”, pubblicato su Nature Climate Change  da un team internazionale di ricercatori guidato da  Corinne Le Quéré della School of environmental sciences dell’università dell’East Anglia.

Il report mette in evidenza come durante il picco delle misure di confinamento all’inizio di aprile, le emissioni giornaliere sono diminuite del 17% – o 17 milioni di tonnellate di anidride carbonica – a livello globale rispetto ai livelli medi giornalieri nel 2019, scendendo ai livelli osservati l’ultima volta nel 2006.

Il 7 aprile, sottolineano i ricercatori, durante il picco del  lockdown, le emissioni dei trasporti di superficie, come gli spostamenti in auto, rappresentavano quasi la metà (43%) della riduzione delle emissioni globali. Le emissioni dell’industria e della produzione di energia insieme rappresentavano un ulteriore 43% della riduzione quotidiana globale emissioni. L’aviazione è il settore economico più colpito dal blocco, ma rappresenta solo il 3% delle emissioni globali o il 10% della riduzione delle emissioni durante la pandemia. I ricercatori dicono che «L’aumento dell’utilizzo degli edifici residenziali da parte di persone che lavorano a casa compensa solo marginalmente il calo delle emissioni di altri settori. In singoli Paesi, le emissioni sono diminuite del 26% in media al culmine del loro confinamento».

Leggi il rapporto completo

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list