Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a agosto 2019
Icona prezzo del petrolio
23 ottobre 2019
Prezzo del petrolio (Nymex): 54,26 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
23 ottobre 2019
Prezzo del carbonio (EU): 25,20 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

19 settembre 2019

Ora ci sono 51 milioni di auto diesel inquinanti sulle strade dell'UE

Sono 51 milioni le auto e i furgoni "sporchi" sulle strade europee. Il report di Transport & Environment torna sul tema quattro anni dopo lo scandalo Volkswagen. L'analisi mostra un aumento del 18% negli ultimi 12 mesi e un aumento del 74% dal 2016. Considerando che il numero di diesel sporchi potrebbe effettivamente essere più elevato.

I calcoli, che si basano sulle vendite di veicoli dal 2008, nonché sui nuovi dati sulle emissioni del mondo reale, mostrano che le case automobilistiche continuano a vendere veicoli diesel sporchi. Quasi un quinto di queste auto e furgoni inquinanti si trova in Germania (9,9 milioni), seguito da Francia (9,8 milioni) e Regno Unito (8,5 milioni). Insieme a Italia, Spagna e Belgio, questi sei paesi rappresentano l'81% della flotta diesel sporca dell'UE.

Il Gruppo Volkswagen è responsabile di oltre un quinto di tutte le auto e furgoni diesel con un inquinamento grave nell'UE (11,6 milioni). Anche le case automobilistiche francesi Renault-Nissan (8,1 milioni) e il gruppo PSA (7,2 milioni, esclusi Opel e Vauxhall) rappresentano una quota importante dei veicoli sporchi.

Anche se sono stati incorporati i discutibili richiami di software attualmente in corso, il numero di motori diesel sporchi diminuirebbe solo leggermente del 16% a 42,5 milioni, a condizione che questi siano realizzati per intero e per uniformare la qualità in tutti gli Stati membri.

Il motivo principale del continuo aumento del numero di diesel sporchi è la decisione dei produttori di automobili di massimizzare i profitti vendendo i loro modelli diesel esistenti, invece di investire nella loro pulizia. Dal 2015, quando Dieselgate ha rotto le prime cinque case automobilistiche che hanno venduto oltre i due terzi dei diesel sporchi hanno realizzato profitti per oltre 125 miliardi di euro. La Federazione europea delle ONG dei trasporti afferma che i richiami devono essere coordinati in tutta l'UE e dovrebbero richiedere soluzioni efficaci come negli Stati Uniti, mentre le autorità nazionali dei veicoli devono impedire la registrazione e la vendita di modelli sporchi.

Florent Grelier, ingegnere dei veicoli puliti di Transport & Environment, ha dichiarato: "È scandaloso vedere il numero di diesel sporchi sulle strade europee aumentare e raggiungere oltre 50 milioni. Questo perché le case automobilistiche hanno dato la priorità ai profitti rispetto alla salute delle persone. I regolatori devono smettere di chiudere un occhio sulla principale fonte di aria tossica e costringere le case automobilistiche a fare le pulizie adesso. " I motori diesel sono la principale fonte di emissioni di biossido di azoto (NO2).

Secondo l'Agenzia europea dell'ambiente, l'esposizione a NO2 ha causato la morte prematura di circa 79.000 persone in 41 paesi europei nel 2015.

Leggi il report sul sito di Transport & Environment

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list