Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a agosto 2019
Icona prezzo del petrolio
6 dicembre 2019
Prezzo del petrolio (Nymex): 58,35 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
6 dicembre 2019
Prezzo del carbonio (EU): 24,89 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

18 novembre 2019

Let's stop greenwashing, l'appello delle associazioni ambientaliste per gli investimenti sostenibili

Transport & Environment (T&E) sta portando avanti una petizione a livello europeo in merito alla negoziazione in corso a Bruxelles sul nuovo regolamento "Taxonomy" che andrà finalmente (o almeno così dovrebbe essere) a mettere fine al greenwashing in materia di finanza privata. La lettera, indirizzata alle istituzioni, è stata firmata anche da Kyoto Club.

Attualmente mancano standard globali su cosa possa essere definito un investimento "sostenibile", e gli asset manager delle imprese hanno la libertà di definire i loro parametri di sostenibilità, con il risultato che oggi chi compra un fondo sostenibile, può facilmente ritrovarsi con azioni di compagnie "fossili". 

L'UE ha finalmente deciso di colmare questa enorme lacuna legislativa e sta lavorando ad un regolamento, detto "Taxonomy", che dia finalmente al mercato un unico metro per stabilire cosa è sostenibile o meno, che sia di supporto  al risparmiatore per investire in modo "clima-compatibile" e mettere fine al greenwashing negli investimenti privati.

Le negoziazioni a livello europeo sono ad oggi nella fase di trilogo (per il Tier1), iniziato mercoledì scorso e che dovrebbe durare dalle 4 alle 8 settimane. In questa fase, l'organizzazione europea T&E insieme ad altre associazioni della società civile sta portando avanti, in merito alla negoziazione in corso a Bruxelles, una petizione rivolta alle istituzioni in cui si chiedono poche cose e basilari: la legge si deve applicare a tutti, deve essere rigorosa, e deve essere applicata quanto prima (ovviamente le pressioni per ritardare il tutto il più possibile sono quanto mai importanti vista la posta in gioco).

Ad oggi hanno aderito circa 59 tra associazioni di respiro europeo o nazionale (tra cui Kyoto Club). La lettera si appella ai Ministri del Governo italiano e ai rappresentanti delle istituzioni europee per sostenere gli emendamenti indicati per far si che la nuova legge abbia l’impatto desiderato nella lotta alla crisi climatica ed ecologica.

Firma la petizione online

Leggi la lettera (PDF)

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list