Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a feb. 2019
Icona prezzo del petrolio
19 aprile 2019
Prezzo del petrolio (Nymex): 64,00 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
19 aprile 2019
Prezzo del carbonio (EU): 26,89 €/tCO2
Chiusura ufficio Pasqua e 25 aprile
In occasione delle festività di Pasqua e del 25 aprile, l'ufficio Kyoto Club rimarrà chiuso da martedì 23 a venerdì 26 compresi. A tutti i nostri Soci e i nostri lettori i migliori auguri per un sereno periodo di festività.
Documentazione > news

torna alla lista news

7 gennaio 2019

Clima, il 2018 anno più caldo in assoluto per l'Italia da oltre due secoli

Lo sostiene l'Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Consiglio nazionale delle ricerche CNR-ISAC di Bologna.

L'anno più caldo in assoluto per l'Italia dal 1800? È stato il 2018, con una temperatura al di sopra della media di 1,58°C del periodo di riferimento 1971-2000, superando il precedente record del 2015 con 1,44 °C sopra la media.

A sostegno della tesi è la banca dati della Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche CNR-ISAC di Bologna. Secondo il responsabile della banca,  Michele Brunetti, "I dati indicano che siamo in presenza di un cambiamento climatico importante e che in Italia l'aumento di temperatura è più forte rispetto al trend della media globale".

Tutti i mesi dell'anno appena trascorso hanno registrato un aumento delle temperature sopra la media, fatta eccezione per febbraio - che presenta un trend negativo - e marzo - nella media. Nove dei dieci mesi presi in considerazione hanno toccato il picco di 1°C rispetto alla media.

Particolarmente eccezionali, secondo CNR-ISAC,  sono stati i mesi di gennaio (il secondo gennaio più caldo dal 1800 ad oggi con una anomalia di +2.37°C rispetto alla media) e aprile (il più caldo di sempre, con un’anomalia di +3.50°C rispetto alla media).

L’anomalia del 2018, se presa in esame singolarmente, precisa il Consiglio Nazionale delle Ricerche, non ci permette di trarre conclusioni relativamente alle tendenze in atto; tuttavia, se vista nel contesto degli ultimi 220 anni di storia climatica dell’Italia, è l’ennesima conferma del fatto che siamo in presenza di un cambiamento climatico importante per il nostro Paese. Significativo è il fatto che tra i 30 anni più caldi dal 1800 ad oggi 25 siano successivi al 1990.

Secondo i dati, l’eccezionalità del 2018 non ha interessato solo l’Italia, l’anno appena concluso è risultato il più caldo da quando sono disponibili osservazioni anche per Francia, Svizzera, Germania e Austria.

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list