Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a maggio 2019
Icona prezzo del petrolio
17 luglio 2019
Prezzo del petrolio (Nymex): 59,75 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
17 luglio 2019
Prezzo del carbonio (EU): 28,31 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

26 febbraio 2019

Sicurezza stradale, petizione online per per l’introduzione del dispositivo ISA sui veicoli stradali

Diverse associazioni per la mobilità sostenibile hanno lanciato una campagna per la sicurezza stradale: per salvare più vite, le organizzazioni - tra cui Kyoto Club - chiedono l'installazione nei veicoli stradali di un nuovo meccanismo che limita la velocità dei veicoli nelle strade. Firma anche tu la petizione!

3.383 morti e 17.000 feriti gravi, in Europa 25.300 morti e 135.000 feriti gravi e nel mondo 1.350.000 vittime. Sono i numeri della violenza stradale, che ogni anno miete sempre più vittime. Non solo le utenze vulnerabili (pedoni, ciclisti, disabili, bambini, anziani) pagano un prezzo altissimo a causa di un sistema di mobilità violento e costoso, ma a farne le spese sono anche gli stessi automobilisti e motociclisti. Nel 2017, nel nostro Paese, oltre a 43 bambini uccisi, 600 pedoni e 274 ciclisti, ben 1.464 automobilisti e 735 motociclisti sono rimasti vittime di schianti stradali.

La causa questo sanguinoso tributo, e l'elemento che ne determina la gravità e la velocità stradale. Una strage che non è però inevitabile, e che si può affrontare semplicemente connettendo i sistemi di navigazione satellitare e l’apparato elettronico di controllo del motore, cioè due dispositivi ormai installati su tutti i nuovi veicoli, è possibile fare in modo che l’automobile rispetti automaticamente i limiti di velocità in vigore sulle strade. 

Questo dispositivo esiste da tempo e si chiama ISA (Intelligent Speed Adaptation): esso è stato a più riprese e positivamente valutato in diversi studi e ricerche internazionali, ma la sua introduzione, per quanto sempre raccomandata, si è scontrata sino a oggi con una mai esplicitata e motivata ma evidentemente ben efficace opposizione. ISA rispetta e fa rispettare il Codice della strada. Lo strumento tecnologico esiste e può essere montato entro pochi mesi su tutti i veicoli vecchi e nuovi. La velocità e l'unico elemento che determina la gravità e la lesività delle collisioni stradali (effetto quadratico della velocità).

Per questo 12 associazioni ambientaliste e per la mobilità sostenibile con sede in Italia, tra cui Kyoto Club, hanno promosso una petizione online con l'invito alle Organizzazioni europee ed extra europee di sottoscriverla e di far altrettanto nei loro Paesi. Nel testo si chiede fortemente al Governo e al Parlamento -  dopo che anche l'Europa ha dichiarato la necessità di questa norma - di fare il loro dovere e introdurre subito ISA nel Codice della strada.

Firma la petizione su Change.org

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list