Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a nov. 2019
Icona prezzo del petrolio
23 gennaio 2020
Prezzo del petrolio (Nymex): 56,02 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
23 gennaio 2020
Prezzo del carbonio (EU): 24,98 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

6 dicembre 2019

Salento Km0, #GreenHeroes dell’agricoltura etica

Un’altra puntata alla scoperta degli “eroi verdi” premiati dall’attore Alessandro Gassmann. I protagonisti di una nuova economia che rifiuta lo spreco, che è amica dell’ambiente, e che produce innovazione, reddito e posti di lavoro

Tornare dopo tanto tempo alla propria città d'origine permette di guardare da un altro punto di vista questioni che altrimenti potevano esser date per scontate. E se chi torna sono due giovani come Francesca Casaluci e Tommaso Faggiano, la spinta a proteggere il proprio territorio supera la protesta e si tramuta in un distretto agroalimentare in grado di rigenerare oltre 170 ettari di terra, producendo ricchezza.

Galatina è una cittadina del Salento, accucciata tra il Mar Ionio e l’Adriatico, con un’economia basata su agricoltura e turismo. L’unico insediamento industriale della zona è un cementificio sorto negli anni ’60, con cui i cittadini, pur a malincuore, convivono fino  al 2011 quando la popolazione insorge e prova ad opporsi.

Francesca e Tommaso hanno meno di trent’anni e - dopo aver studiato fuori - sono tornati a Galatina con la precisa intenzione di viverci. Ovviamente anche per loro l’impatto ambientale del cementificio è un rischio che va contrastato, e si uniscono ai manifestanti nel comitato “Cambiamo l’aria”. Frequentando quella realtà, i due ragazzi scoprono che molti degli associati praticano un’agricoltura etica, sostenibile e orientata a mantenere vive le antiche culture salentine. Secondo Francesca e Tommaso quel patrimonio non può essere perduto, e spingono gli agricoltori a redigere un documento di salvaguardia del territorio per dar forza alle rimostranze. La battaglia contro una proposta del cementificio che veniva considerata ancora più impattante viene vinta, e quel loro manifesto porta ad un'altra lotta: gli agricoltori che proteggono il loro territorio e ne hanno cura devono esser supportati. 

continua a leggere su La Stampa Tuttogreen.

 

 

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list