Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a agosto 2019
Icona prezzo del petrolio
6 dicembre 2019
Prezzo del petrolio (Nymex): 58,35 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
6 dicembre 2019
Prezzo del carbonio (EU): 24,89 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

2 dicembre 2019

Kyoto Club partecipa alla COP25, la Conferenza sul clima di Madrid

Dal 2 al 13 dicembre si tiene in Spagna, a Madrid, la 25ma Conferenza delle parti (COP25) della Convenzione quadro sui cambiamenti climatici dell'ONU. Ai lavori parteciperà anche l'associazione Kyoto Club con una sua delegazione che sarà guidata dal Vicepresidente Francesco Ferrante e dal coordinatore del Gruppo di lavoro sulle fonti rinnovabili, Mario Gamberale.

La 25ma Conferenza delle Parti (COP25) legata alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) si terrà a Madrid, in Spagna, dal 2 al 13 dicembre 2019 sotto la presidenza del Cile, che organizzerà l'evento dopo che le manifestazioni e proteste nel paese hanno costretto il presidente Sebastian Pinera a spostarla in Europa. I delegati – circa 25mila in tutto – si incontreranno per circa due settimane nella capitale spagnola. La Conferenza si svolge in un momento molto delicato: nello scorso anno si sono svolte proteste ambientaliste in tutto il mondo – come nel caso del movimento Fridays For Future ispirato dall’attivista svedese Greta Thunberg – e la comunità scientifica internazionale ha lanciato diversi avvertimenti riguardo il continuo aumento delle emissioni di gas serra e l'innalzamento delle temperature entro la fine del secolo. L'ultimo allarme proviene dal Rapporto annuale Emissions Gap Record dell'UNEP: secondo lo studio, anche se gli attuali impegni incondizionati previsti dall'Accordo di Parigi venissero attuati, le temperature dovrebbero aumentare di 3,2 ° C, portando a impatti climatici ancora più distruttivi.

Soltanto la settimana scorsa il Parlamento europeo ha dichiarato l’emergenza climatica, approvando una risoluzione in cui chiede di fissare al 55% l’obiettivo di riduzione delle emissioni climalteranti per il 2030.

Ma di che cosa si discuterà a Madrid? In primo luogo si cercherà di sciogliere il nodo su come realizzare gli obiettivi climatici fissati dai paesi firmatari a Parigi nel 2016. Le linee guida fissate nel summit del 2018 a Katowice in Polonia vanno confermate, ampliate e, in gran parte, migliorate. Dei 28 paesi Ue per esempio sono soltanto tre – Svizzera, Norvegia e Ucraina – quelli attualmente in linea con gli obiettivi fissati.

Il punto più spinoso però riguarda l'articolo 6 dell'Accordo di Parigi sui mercati dei crediti di carbonio. Si tratta di certificati negoziabili equivalenti a tonnellate di CO2 non emessa o assorbita – piantando alberi per esempio – il cui acquisto può essere un modo conveniente per ridurre indirettamente il proprio impatto ambientale. Dovrebbero rappresentare uno strumento per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, rendendo queste ultime onerose per le aziende. Finora, però, l’esperienza del mercato ETS (Emissions Trade System) in Europa è stata controversa.

Dalla Cop 21 di Parigi ad oggi, d’altra parte, sono stati effettuati soltanto avanzamenti parziali. Dopo la Cop 22 di Marrakesh, del tutto interlocutoria, a Bonn molte nazioni si sono presentate a mani vuote. Nel 2018, alla Cop 24 di Katowice, in Polonia, è stato invece approvato il “rulebook” che dovrebbe permettere di rendere operativo l’Accordo di Parigi. Un passo avanti, certamente, ma affiancato dallo scontro tra i governi sulle tecniche di contabilizzazione delle emissioni. A complicare lo scenario c'è, sullo sfondo, la controversa decisione del Presidente Usa Donald Trump di far uscire il proprio Paese dall’Accordo di Parigi.

L'associazione Kyoto Club sarà presente durante i lavori con una propria delegazione, che sarà guidata dal Vicepresidente dell'associazione Francesco Ferrante e da Mario Gamberale, responsabile del Gruppo di lavoro "Fonti rinnovabili".

Visita il sito ufficiale della 25ma Conferenza delle parti sul clima dell'ONU

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list