Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a maggio 2019
Icona prezzo del petrolio
24 giugno 2019
Prezzo del petrolio (Nymex): 57,68 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
24 giugno 2019
Prezzo del carbonio (EU): 25,72 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

8 aprile 2019

CO2, nel 2018 le emissioni in aumento dell'1,7%

Lo sostiene l'ultimo report annuale dell'International Energy Agency (IEA). Male l'efficienza energetica, mentre aumenta la domanda di carburanti fossili. Buona performance di solare ed eolico.

Dopo diversi anni di stallo, il 2018 si conferma il secondo anno consecutivo in cui le emissioni climalteranti tornano a crescere. Lo sostiene l'ultimo aggiornamento dell Global Energy and CO2 Status Report, il report annuale dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) che riporta le prime stime per il 2018 degli andamenti energetici globali..Secondo i ricercatori del prestigioso Istituto internazionale, nell'anno trascorso le emissioni di CO2 hanno raggiunto quota 33 miliardi di tonnellate, superando il dato del 2017 di 560 milioni di tonnellate (un valore vicino alle emissioni di uno Stato come il Canada) e segnando una crescita complessiva dell'1,7%.

Il Rapporto procede poi con l'analisi dei diversi settori energetici. Il consumo energetico mondiale è cresciuto del 2,3% nel 2018, quasi il doppio del tasso medio di crescita dal 2010, a causa sopratutto della ripreesa economica di questi anni. Conusmo che, stando al rapporto, sarebbe trainato dal gas naturale, che pesaquasi il 45% dell'aumento della domanda totale di energia. Per il gas si tratta della crescita più alta dal 2010, avvenuta per il 70% negli Stati Uniti e in Cina, in buona parte a causa della sostituzione del carbone. Ciononostante, il carbone (in particolare quello per la produzione di energia elettrica) rimane il principale responsabile delle emissioni energetiche globali, coprendo quasi un terzo di tutta la CO2.

In ripresa anche i consumi di petrolio, che registrano un aumento dell’1,3% dovuto perlopiù all’aumento dei prezzi che ha parzialmente controbilanciato la crescita economica. Tuttavia, i consumi di petrolio sono aumentati pressoché in tutto il mondo, anche in Europa, ma soprattutto negli Stati Uniti (a causa dell’avvio di importanti attività nel settore petrolchimico) e in Cina, principalmente nel settore trasporti.

Aumentano anche le energie rinnovabili, che nel 2018 sono cresciute con una percentuale a due cifre, stimata intorno a 450 TWh di nuova produzione elettrica. Una crescita dovuta in primis al fotovoltaico (+30%), seguiti dall'idroelettrico e dall'eolico. Tuttavia questo dato di per sé positivo non è riuscito a contrastare la crescita complessiva dei combustibili fossili e il conseguente aumento delle emissioni di CO2. Ad oggi, le rinnovabili sono responsabili di un quarto della produzione mondiale di energia elettrica rappresentando la seconda fonte dopo il carbone, davanti al gas naturale.

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list