Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a ottobre 2018
Icona prezzo del petrolio
18 dicembre 2018
Prezzo del petrolio (Nymex): 48,54 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
18 dicembre 2018
Prezzo del carbonio (EU): 24,33 €/tCO2
Chiusura ufficio Natale e Capodanno
Il nostro ufficio sarà chiuso per la pausa di Natale e Capodanno dal 22 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 compresi. A tutti i nostri lettori gli auguri per un sereno Natale e un positivo e fruttuoso 2019.
Documentazione > news

torna alla lista news

28 novembre 2018

Clima, livello record di emissioni e sforzi per limitare il riscaldamento globale insufficienti

Secondo l'ultimo report dell'United Nations Environment Programme (UNEP), se le tendenze attuali proseguiranno, provocheranno un riscaldamento del pianeta di circa 3° C entro la fine del secolo. Per contenere l'aumento delle temperature sotto i 1,5°C-2°C sarà necessario che la comunità internazionale e i Paesi del mondo triplichino i loro sforzi.

Le emissioni globali non calano, anzi, mostrano la tendenza inversa, toccando il nuovo record di di 53,5 Giga-tonnellate equivalenti di CO2. 

È quanto sostiene "Emissions Gap Report 2018", l'ultimo studio dell'UNEP,  Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente  che opera  contro i cambiamenti climatici a favore della tutela dell'ambiente. Il monito dell'organizzazione internazionale arriva a pochi giorni dall'inizio dei lavori della 24ma  Conferenza delle parti sul Clima (COP24) che si terrà quest'anno a  Katowice, in Polonia, dove la comunità internazionale si radunerà per parlare dei progressi  raggiunti nell'ambito dell'Accordo di Parigi.

Secondo gli studiosi, gli attuali sforzi intrapresi dalle singole nazioni sono "inadeguati a colmare il divario di emissioni nel 2030". Tecnicamente, prosegue il report, è ancora possibile colmare il divario per garantire che il riscaldamento globale rimanga ben al di sotto di 2 ° C e 1,5 ° C, come stabilito dall'Accordo di Parigi sul clima. Ma, proseguono i ricercatori,  se gli sforzi non non verranno aumentati significativamente prima del 2030 , il superamento dell'obiettivo di 1,5 ° C non può più essere evitato.

Emissioni di CO2 aumentate nel 2017 dopo tre anni di stagnazione. Le emissioni globali di gas serra , prosegue l'UNEP, non mostrano segni di picco. Le emissioni globali di CO2 da energia e industria sono aumentate nel 2017, dopo un periodo di stabilizzazione di tre anni. Le emissioni totali annue di gas a effetto serra, comprese quelle relative all'utilizzo del suolo, hanno raggiunto il livello record di 53,5 GtCO2 e nel 2017, con un aumento di 0,7 GtCO2 e rispetto al 2016.

Questa analisi, così come un esame dei progressi compiuti con gli  impegni nazionali presi nell’ambito dell’Accordo di Parigi,  "dimostrano chiaramente che l’attuale ritmo delle misure nazionali è insufficiente per raggiungere gli obiettivi di Parigi. A causa dell’aumento delle emissioni e del ritardo che accusa l’adozione di misure appropriate, il gap tra i bisogni e le prospettive di riduzione delle emissioni è più importante che mai». All’Unep fanno notare che se tutto questo si traduce in azione climatica, gli autori dello studio arrivano alla conclusione che  «I Paesi dovranno triplicare le loro ambizioni per limitare il riscaldamento climatico per raggiungere lo scenario di 2° C  e per 5 per raggiungere lo scenario a 1,5° C".

La direttrice ad interim dell’Unep, Joyce Msuya, ha detto che "Se il rapporto dell’Ipcc rappresenta  l’allarme antincendio del mondo, questo rapporto costituisce l’inchiesta sull’incendio criminale. Le prove scientifiche sono chiare: benchè siamo stati testimoni di un’azione climatica ambiziosa, i governi devono agire più rapidamente con una maggiore urgenza. Stiamo alimentando il fuoco mentre i mezzi per spengerlo sono alla nostra portata".

Secondo le conclusioni del rapporto, «Se le tendenze attuali proseguiranno, provocheranno un riscaldamento del pianeta di circa 3° C entro la fine del secolo. In seguito, l’aumento delle temperature sarà continuo».

Anche se gli autori del rapporto sottolineano che "E’ ancora possibile ridurre il gap tra I bisogni e le prospettive in materia di riduzione delle emissioni e mantenere il riscaldamento al di sotto dei 2° C» il 2018 Emission Gap Report avverte chiaramente che «Il tipo di misure drastiche e a grande scala del quale abbiamo urgente bisogno non si sono ancora viste".

Emissions Gap Report 2018

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list