Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a giugno 2018
Icona prezzo del petrolio
2 agosto 2018
Prezzo del petrolio (Nymex): 67,65 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
2 agosto 2018
Prezzo del carbonio (EU): 17,40 €/tCO2
Chiusura estiva ufficio
L'ufficio Kyoto Club rimarrà chiuso dal 13 al 24 agosto. A tutti i Soci e i lettori di Kyoto Club i migliori auguri per una serena pausa estiva.
Documentazione > news

torna alla lista news

5 febbraio 2018

La tendenza al surriscaldamento globale è continuata anche nel 2017. I dati di NASA e NOAA

Il 2017 conferma le tendenze globali e climatiche in atto: il surriscaldamento del nostro Pianeta non accenna ad arrestarsi. E, se per la NASA l'anno appena passato è stato il secondo più caldo in assoluto per il NOAA arriva terzo in classifica. Ed entrambe le agenzie mettono in guardia: i cinque anni più caldi di sempre sono stati registrati dopo il 2010.

Il secondo anno più caldo più di sempre per la NASA, ilterza per il NOAA. Analisi che differiscono su alcuni punti, ma che comunque non portano alcuna buona notizia. e che, sopratutto, confermano che la tendenza al riscaldamento globale è ora più che mai in att6o, e che per contrastare la catastrofe imminenete è necessario agire al più presto.

Secondo gli scienziati del Goddard Institute for Space Studies (GISS) della NASA a New York, l'anno appena passato ha registrato temperature globali superiori di 0,9°C rispetto al trentennio 1951-1980, ed è secondo solo alle temperature del 2016.

In un'analisi separata, gli scienziati della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) hanno concluso che il 2017 è stato il terzo anno più caldo in assoluto. La piccola differenza è dovuta ai diversi metodi utilizzati dalle due agenzie per analizzare le temperature globali, anche se nel lungo periodo i registri delle agenzie rimangono in forte accordo: entrambe le analisi mostrano che i cinque anni più caldi mai registrati hanno avuto luogo dal 2010.

"Nonostante temperature più basse della media in qualsiasi parte del mondo, le temperature di tutto il pianeta nel loro insieme continuano la rapida tendenza al riscaldamento che abbiamo visto negli ultimi 40 anni", ha dichiarato il direttore del GISS Gavin Schmidt.

La temperatura media della superficie del pianeta è aumentata di circa 1,1°C nell'ultimo secolo, un cambiamento guidato in gran parte dall'aumento di anidride carbonica e altre emissioni prodotte dall'uomo nell'atmosfera. L'anno scorso è stato il terzo anno consecutivo in cui le temperature globali erano superiori a 1°C rispetto ai livelli di fine Ottocento.

 

Fenomeni come El Niño o La Niña contribuiscono a variazioni a breve termine della temperatura media globale. Tuttavia, dicono i ricercatori del GISS, anche senza un evento El Niño le temperature dell'anno scorso si sarebbero classificate nei record della NASA . In un'analisi in cui gli effetti dei recenti modelli di El Niño e La Niña sono stati statisticamente rimossi, il 2017 sarebbe stato l'anno più caldo mai registrato. 

Il NOAA ha rilevato che la temperatura media annuale del 2017 negli Usa è stata la terza più calda mai registrata. Le tendenze al riscaldamento sono più forti nelle regioni artiche, dove il 2017 ha visto lo scioglimento costante dei ghiacciai.

Le analisi della NASA comprendono misurazioni della temperatura della superficie da 6.300 stazioni meteorologiche. Queste misure grezze vengono analizzate utilizzando un algoritmo che considera la varia spaziatura delle stazioni in tutto il mondo, e gli effetti di riscaldamento urbano che potrebbero distorcere le conclusioni. Questi calcoli producono le deviazioni di temperatura media globale dal periodo di riferimento del 1951 al 1980.

Gli scienziati NOAA hanno utilizzato gran parte degli stessi dati di temperatura grezza, ma con un periodo di riferimento diverso e diversi metodi per analizzare le regioni polari della Terra e le temperature globali.

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list