Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a giugno 2018
Icona prezzo del petrolio
2 agosto 2018
Prezzo del petrolio (Nymex): 67,65 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
2 agosto 2018
Prezzo del carbonio (EU): 17,40 €/tCO2
Chiusura estiva ufficio
L'ufficio Kyoto Club rimarrà chiuso dal 13 al 24 agosto. A tutti i Soci e i lettori di Kyoto Club i migliori auguri per una serena pausa estiva.
Documentazione > news

torna alla lista news

2 febbraio 2018

Il tempo delle promesse climatiche

Da una parte la narrazione positiva di un'innovazione tecnologica che guida la marcia verso la “fuoriuscita dall’era fossile”. Dall'altra, la conferma che lo scorso anno sono comunque tornate a crescere le emissioni globali dopo almeno un paio d’anni in cui si erano stabilizzate. E visti i segnali contraddittori, come riuscire ad azzerare le emissioni entro il 2050 resta un mistero. Francesco Ferrante, Vicepresidente di Kyoto Club, ne parla su "Il Pianeta Terra".

All’indomani della conclusione della COP23 di Bonn si è aperto (il consueto) dibattito tra chi riteneva le conclusioni interlocutorie della stessa un’ennesima pericolosa perdita di tempo di fronte all’incalzare dei cambiamenti climatici e chi invece sottolineava i risultati raggiunti per esempio sugli impegni finanziari dei paesi ricchi nei confronti quelli più poveri e minacciati, guidati dalla Presidenza delle Isole Fiji, il fatto che la defezione trumpiana non aveva comportato alcun effetto negativo concreto (e che anzi gli americani erano presenti e attivi in forze con le loro rappresentanze di Stati e Città e con la loro business community) e più in generale nella impostazione dei documenti preparatori della prossima conferenza, la COP24 di Katowice, in Polonia, che si terrà alla fine del 2018 e che sarà davvero decisiva per rivedere gli impegni di riduzione delle emissioni di gas di serra.
Ma non sono solo le conclusioni delle conferenze internazionali ad essere controverse, sono piuttosto i segnali concreti che arrivano dal mondo reale ad essere contraddittori.

Leggi l'articolo apparso su "Il Pianeta Terra" sul Blog di Francesco Ferrante

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list