Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a set. 2017
Icona prezzo del petrolio
23 ottobre 2017
Prezzo del petrolio (Nymex): 52,16 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
23 ottobre 2017
Prezzo del carbonio (EU): 7,57 €/tCO2
Documentazione > news

torna alla lista news

4 ottobre 2017

Via libera dal Consiglio dei Ministri alla Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile

Il 3 ottobre il Consiglio dei Ministri ha approvato la Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile: il testo è stato varato dopo un processo di consultazione con associazioni, enti locali e mondo della ricerca. Un provvedimento, recita una nota "che rappresenta lo strumento strategico per dare attuazione agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite". Nel documento vengono individuate cinque aree di intervento: Persone, Pianeta, Prosperità, Pace, Partnership.

"La Strategia nazionale per lo Sviluppo Sostenibile approvata oggi in Consiglio dei Ministri è il documento attorno al quale edificare l'Italia dei prossimi decenni: non un libro dei sogni, ma l'indirizzo preciso fornito da istituzioni e società civile per raggiungere gli obiettivi dell'Onu e onorare l'Accordo di Parigi sul Clima. Spero che la politica trovi il tempo e la responsabilità di confrontarsi su questi temi in campagna elettorale". Lo afferma il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, al termine del Cdm.

L'Obiettivo del testo approvato dal Cdm è quello di dare attuazione ai 17 obiettivi di sviluppo sostenibile previsti dall'Agenda 2030 dell'Onu e di seguire la via indicata dall'Accordo di Parigi dello stop alle emissioni fossili. Il provvedimento rappresenta “il primo passo – spiega ancora il Governo – per declinare e calibrare gli obiettivi dell’Agenda 2030 nell’ambito della propria programmazione economica, sociale e ambientale. A questa approvazione seguirà una seconda fase, coordinata dalla Presidenza del Consiglio, per la definizione e quantificazione degli obiettivi da associare agli obiettivi di sviluppo sostenibile che la Strategia stabilisce, nonché l’individuazione di metodi condivisi per il loro monitoraggio e per la valutazione del contributo delle politiche attuali e future al loro raggiungimento”.

Persone, Pianeta, Prosperità, Pace, Partnership: sono le cinque "P" strategiche in cui si articola il documento, a cui seguiranno target e azioni di monitoraggio. “Il documento fissa tra i perni dello sviluppo futuro la centralità della persona con il contrasto a povertà ed esclusione - spiega Galletti -come anche la salute del Pianeta che passa dalla tutela delle risorse naturali, a partire dal territorio e dall’acqua. E ancora, la Strategia promuove una prosperità che sia garantita da nuovi modelli sostenibili orientati a efficienza e innovazione, la ricerca della pace eliminando le diseguaglianze che pesano sulle nostre società e infine la partnership necessaria a raggiungere ogni grande risultato.

"E' chiarissima - aggiunge Galletti - la linea di coerenza con ciò che abbiamo chiesto tutti insieme firmando l'Accordo di Parigi sul contrasto ai cambiamenti climatici, sotto la spinta morale dell'Enciclica di Papa Francesco e l'impegno delle Nazioni Unite: un nuovo modello di crescita in cui l'ambiente sia riferimento delle scelte economiche e chiave del cambiamento sociale. Di questo processo Italia ed Europa sono protagoniste".

“L’approvazione della Strategia nazionale di sviluppo sostenibile da parte del Consiglio dei Ministri è un passo importante per mettere l’Italia sul sentiero delineato dall’Agenda 2030 dell’Onu e conferma il buon lavoro svolto in questi anni dal Ministero dell’Ambiente, con la collaborazione dell’ASviS e di altri soggetti della società civile”, commenta il Portavoce dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) Enrico Giovannini dopo l'approvazione della Strategia: “E’ solo l’inizio di un lavoro molto complesso, necessario per mettere il Paese sul sentiero di sviluppo sostenibile".

Guarda le slide del Ministero dell'Ambiente sulla Strategia Nazionale di sviluppo Sostenibile

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list