Appuntamenti
Media e documenti
News dal mondo
News dai soci

C’è un’azienda in cui più pedali e più guadagni

I pastai Michele e Francesco Andriani hanno un sacco di progetti in testa. Anche per i dipendenti.

26 marzo 2021

ERA il 2009 quando Michele Andriani, giovane imprenditore di Gravina in Puglia, decise di fondare con il fratello Francesco l’azienda che avrebbe dato un bello scossone al mondo della produzione di pasta. La ditta Andriani, racconta Michele, è nata con il proposito di realizzare pasta naturalmente priva di glutine, utilizzando solo farina di cereali o di legumi e acqua, una produzione effettuata sia per marchi terzi che con il brand Felicia. Il lancio di ogni prodotto è supportato da un costante impegno in ricerca e sviluppo, con un approccio votato alla sperimentazione, per «innovare nel solco della tradizione» come amano dire i due fratelli.

I processi produttivi di Andriani sono frutto di importanti investimenti e i traguardi di crescita sono sostenibili e misurabili, secondo un modello di business innovativo: l’azienda aderisce al Global Compact dell’Onu e ogni attività è rapportata ai 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Ha inoltre adottato una politica volta all’efficientamento energetico e alla riduzione di emissioni di gas serra, e nel mirino c’è la Carbon Neutrality entro il 2025. Andriani S.p.A., già Società Benefit, punta anche al benessere dei dipendenti. Con il progetto Bike to Work ha dotato il personale di un parco bici a pedalata assistita da utilizzare per il tragitto casa-lavoro e nel tempo libero, ciascuna dotata di Gps per monitorare i chilometri effettuati mensilmente, sulla base dei quali ogni lavoratore riceve un incentivo in busta paga. E ha realizzato uno smart building dedicato agli uffici in una logica di “Felicità sul lavoro, pensiero positivo”. Andriani non conosce crisi: nel 2020 ha raggiunto un fatturato di oltre 78 milioni, e conta 183 dipendenti. Ce n’è a sufficienza per dichiarare i due fratelli Andriani #GreenHeroes della settimana.

Leggi l'articolo su Il Venerdì di Repubblica


↑ torna in cima