Appuntamenti
Media e documenti
News dal mondo
News dai soci

Così il Comune è passato dal rosso al verde

A Ferla il bilancio era disastrato. Un eroico sindaco ha puntato tutto sull’ambiente. Vincendo la sfida.

29 gennaio 2021

Per amministrare bene onestà e capacità sono fondamentali, ma molte volte quel che conta davvero è la capacità di guardare oltre, di immaginare. È quel che è successo al sindaco di una piccola cittadina siciliana, Ferla: Michelangelo Giansiracusa. Ferla è un piccolo Comune sui monti Iblei il cui bilancio, nel 2011, era disastrato. Il neosindaco, poco più che trentenne, si rese subito conto che le uscite, seppur in gran parte giustificate, erano elevatissime. Alcune di queste, come quella per la raccolta dei rifiuti, tanto alte da essere irragionevoli. La prima azione che intraprese per risparmiare fu creare la Eco stazione: un posto dove, oltre a conferire i rifiuti, i cittadini potessero comprendere le potenzialità del riciclo. Istituì poi la Casa del Compost, un sistema collettivo di trasformazione della frazione di umido. E infine la Casa dell’Acqua per permettere ai cittadini di rifornirsi riducendo drasticamente l’uso della plastica monouso. Il risultato di questi interventi: meno rifiuti, meno costi, e soprattutto nuove entrate per le casse comunali. Soldi investiti in altre azioni come la riqualificazione energetica di scuole ed edifici comunali e l’installazione di impianti fotovoltaici. Il Comune di Ferla in dieci anni ha ridotto le spese di quasi mezzo milione di euro su un bilancio di 3 milioni. Non si è più dovuti ricorrere ad anticipi di cassa; la quota di raccolta differenziata è passata dal 2 al 75 per cento; la Tari viene puntualmente percepita, ma le tariffe dell’imposta sono state ridotte anche del 50 per cento; gli studenti possono fruire di scuole confortevoli. E infine Ferla è la seconda amministrazione per potenza fotovoltaica installata dell’intera Sicilia. Michelangelo Giansiracusa, che scommettendo sull’ambiente ha trasformato la cittadina che amministra in un Comune virtuoso, inventando un vero e proprio “modello Ferla”, merita di far parte dei #GreenHeroes.

Leggi l'articolo su su Il Venerdì di Repubblica


↑ torna in cima