Finanziamenti per l’energia pulita nelle Isole Minori e nei Parchi

Due bandi del Ministero dell’Ambiente per finanziamenti dedicati a progetti di rinnovabili, efficienza energetica e mobilità sostenibili nelle Isole Minori e nelle Aree naturali protette. Quasi 5,5 milioni di euro le risorse stanziate.

28 marzo 2008

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha emanato nelle ultime due settimane due bandi per finanziamenti dedicati a progetti di rinnovabili, efficienza energetica e mobilità sostenibili nelle Isole Minori e nei Parchi italiani.||Il primo in ordine di tempo è il
Bando Fonti Rinnovabili, Risparmio Energetico e Mobilità Sostenibile nelle Isole Minori per il quale sono stati stanziati circa 3.488.000 euro di cui 2.217.000 circa per fonti rinnovabili e risparmio energetico e 1.272.000 circa per la mobilità sostenibile, provenienti dai residui del precedente Bando Fonti Rinnovabili e Mobilità Sostenibile nelle Isole Minori.
Potranno presentare domanda di cofinanziamento i Comuni delle Isole Minori sedi di aree marine protette già istituite o in corso di istituzione, nonché i Comuni delle Isole Minori interessate da Parchi con perimetrazioni a mare così come individuati dall’Associazione Nazionale Comuni Isole Minori.||I progetti verranno cofinanziati dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare fino ad una quota massima dell’80% del costo di investimento ammissibile.
Le domande potranno essere presentate a partire dal 40° giorno della pubblicazione del comunicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, cioè dal 21 aprile (G.U. n. 61 del 12 marzo 2008) ed entro 180 giorni dalla medesima data.||L’altro è il Bando Fonti Rinnovabili, Risparmio Energetico e Mobilità Sostenibile nelle Aree naturali Protette.
In questo caso i progetti potranno essere presentati dagli enti gestori delle aree protette a partire dal 29 aprile ed entro i 180 giorni successivi. Quasi due milioni di euro, per la precisione 1.932.167 euro, è quanto il Ministero dell’Ambiente ha stanziato.
I progetti, che potranno essere presentati dagli enti gestori dei parchi nazionali, regionali e delle aree marine protette, verranno cofinanziati dal Ministero fino ad una quota massima del 50% sul costo di investimento ammissibile.||I progetti di efficienza energetica e per le fonti rinnovabili, per i quali sono stati stanziati circa 1.352.000 euro, potranno riguardare: impianti solari termici per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento di piscine o la climatizzazione di ambienti; impianti fotovoltaici ed eolici purché di potenza non superiore ai 20 kWp; impianti a biomasse soprattutto se prodotte da manutenzione agro-forestale; interventi edilizi volti a migliorare l’efficienza energetica in edifici di proprietà degli enti gestori. Potranno accedere ai finanziamenti anche iniziative di comunicazione ed educazione su risparmio energetico e fonti rinnovabili.||Gli interventi per la mobilità sostenibile, cui sono stati destinati circa 579.000 euro, invece dovranno riguardare: servizi di noleggio bici e introduzione di veicoli a minimo impatto ambientale (che dovranno contemplare soluzioni anche per il trasporto di disabili); servizi di mobilità collettiva flessibile; manutenzione dei mezzi collettivi e installazione di colonnine per la ricarica di mezzi elettrici.
Tra i criteri di selezione c’è la riproducibilità dei progetti in altri contesti, la creazione di servizi stabili che offrano posti di lavoro, il fatto che gli interventi siano compatibili a livello ambientale e che siano cantierabili entro tre mesi dalla presentazione del progetto.


↑ torna in cima