Appuntamenti
Media e documenti
News dal mondo
News dai soci

Al via in tutta la regione Veneto il progetto “COLORI CARTA & CARTONI”

Verrà presentato a Treviso il 2 ottobre il progetto che coinvolgerà gli studenti delle scuole primarie e secondarie nella realizzazione di brevi cartoni animati sul tema dell’impronta ecologica. L’innovativo progetto è di Gruppo Alcuni, in collaborazione con UNESCO Venice Office e Sgambaro.

1 ottobre 2014 SGAMBARO

<p>Giovedì 2 ottobre a Treviso, al Parco degli Alberi Parlanti, verrà presentato “COLORI CARTA & CARTONI”, un nuovo progetto educativo di sensibilizzazione nei confronti dei temi ambientali rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie del Veneto.

Questo straordinario progetto nasce dalla creatività e dall’impegno di 3 partner:

  • Gruppo Alcuni, che ha ideato il “format” di Colori Carta & Cartoni e che realizzerà materialmente i brevi cartoons ideati dai ragazzi;
  • l’UNESCO Venice Office, che offre una serie di strumenti e di approfondimenti scientifici per calcolare il “global footprint” agli insegnanti e agli studenti che desiderano partecipare al progetto;
  • Sgambaro, un pastificio all’avanguardia caratterizzato da una impronta ecologica leggera e quindi da un fattivo contributo alla protezione dell’ambiente.


Il progetto Colori Carta & Cartoni in breve:


I bambini e ragazzi del Veneto dai 6 ai 14 anni sono invitati a ideare un breve racconto per un cartone animato sul tema “L’impronta ecologica”.
Tra tutti gli storyboard che arriveranno alla segreteria di Colori Carta & Cartoni entro il 28 febbraio 2015 ne verranno scelti 3; successivamente gli animatori di Gruppo Alcuni, insieme agli studenti e agli insegnanti ideatori degli storyboard, realizzeranno i cartoni animati della durata di 1 minuto. I cartoon dovranno avere come protagonisti i 6 Cuccioli, che già da tempo sono testimonial dei progetti ideati da Gruppo Alcuni per UNESCO.
I brevi video di Colori Carta & Cartoni saranno proiettati durante il Festival Ciak Junior 2015 e saranno inseriti nel sito dell’UNESCO Venice Office.

Sul sito www.alcuni.it è presente una sezione dedicata al progetto, da cui si possono scaricare materiali per un approfondimento o uno storyboard in bianco. Gli elaborati vanno inviati a: “Colori Carta & Cartoni”, via Corti Comunale 54, 31100 Treviso o via email a coloricartacartoni@alcuni.it.

Il Presidente di Gruppo Alcuni, Sergio Manfio, giudica fondamentale che questo progetto preveda un lavoro congiunto adulto/ragazzo: “Ecco un altro passo avanti nel nostro progetto che ha come tema lo sviluppo sostenibile. Ancora una volta, e non può che essere così, sono i ragazzi gli attori di questa idea: i ragazzi che diventano motore per il coinvolgimento di noi adulti. Solo da un modo più cooperativo di intendere il rapporto tra generazioni può avviarsi un reale cambiamento del nostro modo di intendere lo sviluppo futuro… e noi siamo ancora una volta curiosi di scoprire cosa i ragazzi si inventeranno su questo argomento!”

Francesco Manfio, Amministratore Delegato di Gruppo Alcuni, commenta così le collaborazioni instaurate per Colori Carta & Cartoni: “Siamo molto orgogliosi di questo progetto che si inserisce sulla strada tracciata tanti anni fa con ‘Un cartone x la pace’, continuata con i cartoons di ‘Patrimonito’, ‘H2Ooooh!’ e lo scorso anno con ‘I bambini di OVS salvano il mondo’. Tutte proposte realizzate in collaborazione con UNESCO e con il supporto di partner privati che credono nel ruolo sociale dell'impresa! In questa fantastica avventura di far realizzare ai ragazzi dei brevi cartoni animati sull’impronta ecologica è insieme a noi Sgambaro, un pastificio straordinariamente attento alle problematiche ambientali”.

Philippe Pypaert, Programme Specialist dell’UNESCO Venice Office, chiarisce cosa si intende con impronta ecologica, come si può calcolare e cosa si può fare per ridurla: “L’impronta ecologica esprime la quantità di spazio del pianeta necessaria a ciascun individuo per soddisfare i propri bisogni, e si esprime in ‘ettari globali per persona’. Questa impronta che tutti insieme lasciamo sul pianeta non dovrebbe essere più grande del pianeta stesso, ma purtroppo oggi non è più così. Gli scienziati hanno calcolato che per trattare bene il nostro ‘giardino planetario’ l’impronta di ogni essere umano non dovrebbe superare 1,8 ettari globali. Quella di ogni abitante della nostra regione è di circa 7,5 ettari globali: se tutti gli abitanti del pianeta facessero come noi, ci vorrebbe un giardino grande 4 volte la terra! Dobbiamo impegnarci tutti a ridurre la nostra impronta sul pianeta, e questo si può fare in tanti modi: ad esempio non sprecando il cibo, comprando verdure di stagione, preferendo la bicicletta alla macchina ogni volta che questo è possibile, costruendo case che risparmiano l’energia, producendo l’elettricità con il vento… Per saperne di più: www.globalfootprint.com”.

Pierantonio Sgambaro, Presidente e leadership dell’omonimo pastificio, spiega come anche la pasta possa avere un’impronta ecologica leggera: “La pasta Sgambaro viene prodotta con grande attenzione alla tutela dell’ambiente: per ridurre i trasporti che causano inquinamento scegliamo grano che proviene da campi vicini, lo maciniamo proprio accanto al pastificio e utilizziamo energia elettrica solo da fonti rinnovabili. Il nostro obiettivo è limitare il più possibile l’impatto ambientale: per questo abbiamo ‘adottato’ alcuni boschi del nostro territorio che rendono l’aria più pulita”.
Ricordiamo che nel febbraio scorso a Venezia Pierantonio Sgambaro ha siglato un accordo con i sindaci di Mel (BL) e Lusiana (VI) impegnandosi a mantenere le aree boschive comunali che restituiscono ossigeno per compensare le emissioni di co2 prodotte dallo stabilimento di Castello di Godego. Il vicepresidente nazionale del Club di Kyoto, Francesco Ferrante, ha tenuto a battesimo l'evento.

Nei prossimi giorni le scuole di tutto il Veneto riceveranno un pieghevole con le istruzioni per la partecipazione e uno storyboard in bianco, che dovranno riempire con i propri disegni, dopo aver analizzato – con l’aiuto indispensabile dei propri insegnanti – il tema dell’impronta ecologica.
Grazie ai 6 simpatici characters della serie “Cuccioli”, i giovani che hanno approfondito questo concetto fondamentale per il nostro futuro dovranno provare a spiegarlo ai propri coetanei, chiarendo soprattutto che cosa ognuno di noi può fare, in pratica, per alleggerire la propria impronta ecologica.

</p>


↑ torna in cima