Appuntamenti
Media e documenti
News dal mondo
News dai soci

Fardef Piscine collabora con Schneider Electric

Fardef Piscine sceglie Schneider Electric per realizzare un impianto di sport acquatici smart e sostenibili al Parco dello Sport di Arzignano.

7 luglio 2016 Schneider Electric

<p>Fardef Piscine s.r.l, un’ azienda veneta specializzata nella progettazione, costruzione e gestione di impianti natatori, ha realizzato di recente un nuovo impianto ad Arzignano (Vicenza) che garantisce prestazioni energetiche di alto livello e importanti risparmi di costi, grazie all’adozione delle soluzioni intelligenti Schneider Electric per la distribuzione elettrica e il building management.

Il Parco Sportivo di Arzignano ha una superficie di 2.750 mq coperta che ospita tre piscine, una palestra, un’area benessere e una sala riunioni, ed un’area esterna di 22.000 mq con una piscina "in stile laguna" e area solarium. Tutto questo oggi è molto più sostenibile: la struttura infatti utilizza l’80% di energia in meno rispetto a impianti analoghi realizzati con tecnologie tradizionali di 20 anni fa.

Fardef Piscine ha individuato in questo progetto l’opportunità di applicare le tecnologie più innovative, realizzando un impianto sportivo "del futuro" che ha sistemi meccanici e idraulici totalmente automatizzati; per farlo si è rivolta a Daimel S.r.l un’azienda con sede a Zero Branco (TV) che fin dal 2012 fa parte della rete di partner certificati EcoXpert di Schneider Electric: i partner specializzati in soluzioni ad elevata efficienza e sostenibilità. Adottare soluzioni comunicanti e protocolli aperti consente di connettere efficacemente tutta la sensoristica presente nella struttura, ottimizzano quindi gli impianti, le performance, l’efficienza e la sostenibilità.

Per questo Daimel ha realizzato un sistema di controllo integrato automatico e da remoto, basato sull’utilizzo di protocolli aperti sia per gli aspetti elettrici sia per gli aspetti idraulici, scegliendo il sistema KNX di Schneider Electric per la parte di controllo e gestione dell’illuminazione e per il controllo di parametri ambientali (temperatura, umidità, livello di anidride carbonica nella struttura) e i quadri elettrici smart iQuadro per il monitoraggio, la distribuzione e la gestione dell’energia.

Nel dettaglio, sono stati installati 8 quadri elettrici smart iQuadro, dotati ognuno di interruttori comunicanti, smart link e multimetri; per il building management oltre a gestire le luci il sistema KNX gestisce il controllo di parametri ambientali per temperatura, umidità e livello di anidride carbonica nella struttura; ed infine alla suite software Struxureware è affidata la gestione complessiva di una centrale termica e di sette centrali per il trattamento aria.

"La tecnologia usata ci ha permesso di raggiungere una classe A + per un edificio a uso civile: è molto più di quanto richiesto dalle norme, che richiedono una classe energetica C" ha commentato il technical manager di Fardef Engineering Antonio Fedon. Questo risultato di eccellenza, che Fardef conta di ripetere in nuove realizzazioni, è stato consentito dall’associazione di due elementi: l’integrazione totale di tutti gli impianti tecnologici già descritta e l’adozione di inverter per controllare le pompe e i ventilatori presenti.

Ciò permette di ricavare algoritmi per ridurre al minimo l’assorbimento elettrico e rimanere sempre al di sotto dell’allacciamento di potenza, realizzando così un controllo carichi globale, affidando poi al cliente la gestione dinamica di tutti i set-point rilevanti per consumi e comfort.


</p>


↑ torna in cima