podcast-er: L’Europa alla ricerca della leadership nella battaglia sul clima

Al Parlamento Europeo si discuterà della possibilità di alzare dal 20 al 30% l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas climalteranti al 2020. A differenza di molti paesi, l’Italia si oppone a questo nuovo target, ma ci sono tutte le condizioni affinché l’Europa possa recuperare il suo ruolo di guida nella battaglia mondiale sul clima. Gianni Silvestrini a Ecoradio.

21 giugno 2011 Fonte: Ecoradio

<p><a href="http://www.qualenergia.it/sites/default/files/articolo-doc/opinione_silvestrini_21giugno2011.mp3"><b>Ascolta audio</b></a> (mp3 – durata 1’ 42’’)</p><p>Si avvicina la data della prossima <b>Conferenza sul clima</b> in Sud Africa, a Durban, e l’Europa inizia già ad affilare le proprie armi. <br />Il Parlamento Europeo discuterà il <b>23 giugno</b>, in seduta plenaria, la possibilità di alzare <b>dal 20 al 30%</b> l’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas climalteranti al 2020, rispetto ai valori del 1990.</p><p>Attualmente il target è del 20% ma con la crisi economica oggi è più semplice raggiungere questo obiettivo. Rispetto al 1990 siamo infatti ormai <b>al 17%</b> di riduzioni di gas serra. Inoltre, diversi fattori spingono nella direzione di un impegno più incisivo.</p><p><b>Gran Bretagna, Francia e Spagna</b> chiedono di innalzare l’obiettivo al 30%. Anche molte grandi industrie europee hanno firmato un documento in cui chiedono di indicare questa nuova soglia. <br />Puntare ad un target del 30% significherà spingere l’acceleratore sulle politiche per l’efficienza energetica che, ricordiamo, è l’unico obiettivo non legalmente vincolante. </p><p>Come al solito l’Italia si oppone a questo passaggio. In particolare <b>si oppongono Governo e Confindustria</b>. <br />Aspettiamo di sapere cosa deciderà il Parlamento Europeo, ma sicuramente ci sono tutte le condizioni affinché l’Europa recuperi il suo ruolo di guida nella battaglia mondiale sul clima. </p><p>L’opinione di <b>Gianni Silvestrini</b>, direttore scientifico di Kyoto Club e QualEnergia, a <a href="http://www.ecoradio.it/?option=com_frontpage&Itemid=1">Ecoradio</a>. </p><p></p><p></p>


↑ torna in cima