Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a giugno 2020
Icona prezzo del petrolio
6 agosto 2020
Prezzo del petrolio (Nymex): 42,70 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
6 agosto 2020
Prezzo del carbonio (EU): 27,42 €/tCO2
Chiusura estiva ufficio
L'ufficio Kyoto Club rimarrà chiuso dall'8 al 16 agosto. A tutti i Soci e i lettori di Kyoto Club i migliori auguri per una serena pausa estiva.
Documentazione > news dai soci

torna alla lista news dai soci

21 ottobre 2015 (Next Nuova Economia per Tutti)

Il valore della filiera del cibo, il rapporto Next e Oxfam Italia

Con il rapporto Il valore della filiera del cibo, Oxfam Italia invita il settore dell'agroalimentare italiano a interrogarsi sulla sostenibilità sociale e ambientale delle filiere di rifornimento delle materie prime agricole utilizzate per i propri prodotti alimentari.

Un nuovo rapporto di Oxfam Italia e NeXt per valutare l’impatto che le aziende italiane dell’alimentare hanno sull’ambiente e sui diritti umani a livello globale. Si parte dai volumi di Barilla e Ferrero.

Il valore del cibo made in Italy, fiore all’occhiello dell’economia nazionale e carattere distintivo della cultura italiana nel mondo, può essere analizzato anche andando oltre la dimensione nutrizionale e qualitativa: in particolare interrogandosi su quanto e come le aziende alimentari italiane prendono in considerazione l’impatto della loro produzione di cibo su povertà, ambiente e diritti umani a livello globale. Un tema importante in un mondo nel quale più di 800 milioni di persone soffrono la fame, di cui il 70% lavora per produrre cibo.

Con il rapporto Il valore della filiera del cibo (pdf), Oxfam Italia invita il settore dell’agroalimentare italiano a interrogarsi sulla sostenibilità sociale e ambientale delle filiere di rifornimento delle materie prime agricole utilizzate per i propri prodotti alimentari.

Nella prima parte, lo studio analizza le politiche che le due maggiori imprese alimentari italiane, Barilla e Ferrero, hanno adottato su 7 temi chiave: il rispetto dei diritti dei produttori e dei lavoratori agricoli; l’attenzione alla tematica di genere; la gestione della terra e dell’acqua utilizzate nel processo produttivo; le politiche di contrasto al cambiamento climatico; il grado di trasparenza dell’operato dell’azienda. Questa analisi, basandosi su dati pubblici resi disponibili dalle aziende, è stata condotta adattando la metodologia elaborata da Oxfam nell’ambito della campagna Scopri il Marchio, con la supervisione del professor Alessandro Signorini, docente di marketing presso la John Cabot University.

I risultati dimostrano che Barilla e Ferrero, sebbene già orientate verso un percorso di sostenibilità, hanno ancora ampi margini di miglioramento nelle aree tematiche analizzate. Se Barilla fa registrare maggiori progressi soprattutto in ambito ambientale nella gestione sostenibile di terra e acqua e nell’attenzione posta alla sfida del cambiamento climatico, Ferrero mostra un impegno più forte in termini di tutela e rispetto dei diritti dei produttori e lavoratori coinvolti lungo la propria filiera agricola. Entrambe, invece, risultano carenti nella definizione di politiche di genere volte a favorire la piena integrazione delle produttrici e lavoratrici dei paesi in via di sviluppo lungo la filiera. Sebbene sia noto il forte livello di discriminazione al quale spesso le donne dedite ad attività agricole sono soggette, una riflessione per contrastare tale fenomeno non sembra aver ancora interessato in maniera sistematica l’operato di queste due aziende nei paesi dove si riforniscono di materie prime.

Nella sua seconda parte, il rapporto coinvolge il mondo delle imprese alimentari italiane di medie dimensioni, lanciando loro una vera e propria sfida a misurare e migliorare la sostenibilità sociale e ambientale delle proprie filiere.

n questa sezione, elaborata in collaborazione con NeXt-Nuova Economia per Tutti, gli indicatori presi in esame da Oxfam per Scopri il Marchio sono stati un punto di partenza per definire un Questionario online rivolto alle medie imprese alimentari italiane per autovalutare la sostenibilità delle loro filiere, confrontandosi attivamente con stakeholder e consumatori sulla propria performance.

Sul sito www.nexteconomia.org/oxfam si possono trovare tutte le informazioni per permettere alle aziende di raccogliere questa "sfida sostenibile".



Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list