Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a giugno 2019
Icona prezzo del petrolio
7 agosto 2019
Prezzo del petrolio (Nymex): 53,64 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
7 agosto 2019
Prezzo del carbonio (EU): 28,77 €/tCO2
Chiusura estiva ufficio
L'ufficio Kyoto Club rimarrà chiuso dal 10 al 18 agosto. A tutti i Soci e i lettori di Kyoto Club i migliori auguri per una serena pausa estiva.
Documentazione > comunicati

torna alla lista comunicati

26 luglio 2019

Rinnovabili, la Regione Lazio fa marcia indietro sul fotovoltaico. Kyoto Club: ostacolo ingiustificato al solare

Il nuovo testo del Piano Territoriale Paesistico Regionale del Lazio, in discussione dal 29 luglio, chiude completamente sul fotovoltaico con poche eccezioni. Kyoto Club: ”La Regione e il Presidente Zingaretti modifichino subito il Piano Paesistico”.

Il nuovo Piano Territoriale Paesistico Regionale (PTPR) della Regione Lazio, che andrà in discussione il 29 luglio prossimo in Consiglio regionale, rischia di essere la pietra tombale del fotovoltaico. Noncurante degli impegni assunti con l’Ue per allacciare alla rete elettrica nazionale circa 4 GW l’anno di nuovi impianti fotovoltaici fino al 2030, con il nuovo PTPR nel Lazio sarà molto più complicato fare fotovoltaico a terra, buttando così le basi per un non raggiungimento dei già limitati obiettivi per le rinnovabili. La notizia è un’anteprima del quotidiano online QualEnergia.it a firma del Direttore Sergio Ferraris.

Il documento, modificato rispetto alla sua prima versione, prevede una chiusura per gli impianti fotovoltaici a terra in tre diverse categorie di suolo (“agricolo”, “di valore” e “di continuità”) e prevede la possibilità di installazione degli impianti solo sulle serre e sulle pensiline per le aree di parcheggio.

Una cattiva notizia, vista la potenzialità della regione, che ha una superficie complessiva di 1.723.600 ettari dei quali 1.070.308 ettari di superficie agricola generale, di cui solo 648.472 di superficie agricola utilizzata.

 “Non c’è dubbio che ‘anche il bene va fatto bene’ come diceva Diderot, e quindi che anche gli impianti da fonti rinnovabili devono essere realizzati con le dovute attenzioni all’inserimento nel prezioso paesaggio italiano, ma vietare tout court senza alcuna analisi specifica del territorio tutti gli impianti fotovoltaici a terra sarebbe una sonora sciocchezza – dichiara il Vicepresidente di Kyoto Club Francesco Ferrante - Tanto più grave data la crisi climatica in atto che richiederebbe un’accelerazione formidabile delle rinnovabili che invece per colpa di scelte politiche nel nostro paese si sono fermate nel 2014. Per questo rivolgiamo un appello al presidente Zingaretti che più volte ha ribadito di condividere l’impegno di Greta sull’emergenza climatica: faccia seguire i fatti alle parole e modifichi il piano Paesistico in approvazione da lunedì prossimo nella Regione che lui governa in quelle parti che costituiscono ostacolo ingiustificato, insensato e irresponsabile al fotovoltaico“.

Scarica il comunicato stampa (pdf)

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list