Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a giugno 2018
Icona prezzo del petrolio
19 luglio 2018
Prezzo del petrolio (Nymex): 68,27 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
19 luglio 2018
Prezzo del carbonio (EU): 16,08 €/tCO2
Documentazione > comunicati

torna alla lista comunicati

21 giugno 2018

Energia, FREE e Adiconsum: ridurre presto oneri bollette

In occasione del convegno "Riforme del mercato elettrico e loro impatto su costo dell'energia per i consumatori finali, efficienza energetica e uso delle fonti rinnovabili", tenutosi stamattina a Roma, Coordinamento FREE e Adiconsum hanno affrontato il problema degli oneri di sistema nelle bollette dei consumatori. Secondo le due associazioni, per diminuire i costi a carico delle famiglie, tali oneri andrebbero caricati sulla fiscalità generale.

Ridurre il peso degli oneri di sistema sulle bollette degli italiani valutando seriamente l'ipotesi di caricarle sulla fiscalità generale. Ma senza trascurare le implicazioni delle nuove Direttive europee in tema di rinnovabili ed efficienza energetica. È quanto emerso nel corso dell'incontro dal titolo "Riforme del mercato elettrico e loro impatto su costo dell'energia per i consumatori finali, efficienza energetica e uso delle fonti rinnovabili", organizzato a Roma dal Coordinamento Free e Adiconsum.

"Occorre affrontare innanzitutto il problema dei cambiamenti tariffari che ci sono stati e che ci saranno, alla luce, in particolare, dell'obiettivo di ridurre l'impatto sul costo del kWh per l'utente finale soprattutto domestico - ha esordito il presidente di Free, GB Zorzoli . Si tratta di una partita aperta che si può ancora giocare considerando anche la prossima nomina del nuovo Collegio di Arera, che si occupa di questi aspetti e che speriamo abbia una visione diversa rispetto al passato. Anche perché dobbiamo ricordare che, se si riduce drasticamente la progressività, si riduce l'incentivo all'efficienza energetica e se si modifica la distribuzione degli oneri di sistema si rende meno conveniente l'autoproduzione e l'autoconsumo. Non dobbiamo dimenticare poi le decisioni prese dal trilogo europeo sulla nuova direttiva Ue che esplicitamente fa divieto agli impianti fino a 25 kw di caricare qualsiasi onere fino al 2026. Nel nostro paese, i primi contatti con la nuova maggioranza che si occupa di questi problemi sembrano positivi. Speriamo dunque che in futuro non si carichino altri oneri  su chi meno consuma ed è in condizioni disagiate, privilegiando efficienza ed autoconsumo".

"Ci troviamo di fronte a un tema importantissimo e complesso che ha dentellati su una serie di tematiche irrisolte, in primis nei confronti dei consumatori e riguardanti il peso eccessivo delle bollette dovuto a oneri generali di sistema, energivori, morosità,  autoproduzione e autoconsumo - ha evidenziato Livio de Santoli del direttivo di Free. Insomma tutti argomenti che vanno nella direzione di un appesantimento della bolletta. Per questo, occorre trattare l'argomento in maniera unitaria partendo dalle piccole cose ma affrontando tutto. A partire dagli oneri di sistema che rappresentano il 22-23% della bolletta complessiva. Naturalmente questi aspetti vanno discussi nel quadro di un'ottica europea un po' schizofrenica dove da un lato ci sono Fer altissime e dall'altro efficienza energetica non vincolante. Infine c'è il tema dello spostamento del corrispettivo degli oneri di sistema sulla fiscalità generale. Con un compito fondamentale che ora spetta a regolatore e legislatore di verificare se il nostro attuale sistema sia in grado di raggiungere tutti questi obiettivi".

"Credo che pochi temi come quello energetico rappresentino simbolicamente il tema ambientale come visione della società. Il tema dell'autoproduzione energetica, per esempio, è un tema rivoluzionario e parla di equilibrio territoriale accanto a efficienza e rinnovabili e rappresenta la frontiera a cui guardare nell'ottica di una visione lunga di cui abbiamo bisogno anche nell'ambito di un abbassamento dei costi - ha sottolineato Rossella Muroni di LeU".  "In queste settimane il trilogo europeo ha licenziato direttive di importanza fondamentale su rinnovabili ed efficienza - ha aggiunto Gianni Girotto del M5S -. Gli oneri di sistema rimangono però un vero punto centrale assieme alla rete che va mantenuta e probabilmente sviluppata. Altra battaglia è rappresentata dal passaggio dal mercato tutelato al mercato libero che non vogliamo e su cui ci faremo sentire". 

"La nostra ambizione è quella di intervenire sui clienti domestici, in particolare su un tema delicato come gli oneri di sistema con una revisione tariffaria che potrebbe essere fatta insieme alle rinnovabili e all'efficienza energetica per abbassare i costi in bolletta e aumentare  la competivita - ha spiegato il presidente di Adiconsum Carlo De Masi -. Il problema non è solo quello degli oneri di sistema ma anche che paghiamo l'energia più cara in Europa. Dobbiamo capire che il miglior KWh e quello che non si consuma perché non inquina. Questo ci mette di fronte al tema dell'efficienza energetica".

Leggi il comunicato stampa sul sito di COORDINAMENTO FREE e Adiconsum

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list