Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a agosto 2017
Icona prezzo del petrolio
22 settembre 2017
Prezzo del petrolio (Nymex): 50,53 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
22 settembre 2017
Prezzo del carbonio (EU): 6,91 €/tCO2
Documentazione > comunicati

torna alla lista comunicati

23 giugno 2017 (Kyoto Club)

Da Kyoto Club e Legambiente: lettera aperta al Ministro Calenda su efficienza energetica

Il 26 giugno a Bruxelles il Consiglio dei Ministri dell'Energia definirà la posizione di governi e stati membri su due importanti direttive sull'efficienza energetica e sull'edilizia. Kyoto Club e Legambiente si dichiarano preoccupate: può esserci un arretramento rispetto alle precedenti posizioni in questo settore. La lettera aperta al Ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda.

LETTERA APERTA AL MINISTRO CALENDA SULL’EFFICIENZA ENERGETICA

Egregio Ministro,

come è noto, lunedì 26 giugno a Bruxelles il Consiglio dei Ministri dell’Energia definirà la posizione dei governi degli stati membri su due importanti direttive sull’efficienza energetica e sull’edilizia. Siamo molto preoccupati perché sembra che ci possa essere un arretramento rispetto alle posizioni precedenti e siamo sorpresi che i “rumours” in Europa lascino intendere che tra i governi che frenano ci sia anche quello del nostro Paese.

«Siamo convinti che l'attuazione dell'accordo di Parigi offra grandi opportunità economiche per la prosperità e la crescita nei nostri paesi e su scala globale» queste sono le parole – che abbiamo molto apprezzato - che il Presidente del Consiglio Gentiloni ha sottoscritto insieme al Presidente Macron e alla Cancelliera Merkel all’indomani dell’uscita di Trump dall’accordo di Parigi e da allora sono state frequenti le professioni di fedeltà del nostro governo agli impegni presi sul clima. Impegni che necessitano atti concreti e scelte precise sia a livello nazionale che europeo. Invece il rischio che si sta correndo è che la presidenza maltese pur di raggiungere un qualsiasi accordo – anche su pressione dei britannici che mantengono un’influenza inverosimile per un paese che sta per uscire dalla UE - vogliano proporre un accordo al ribasso che metterebbe a rischio ogni impegno vincolante sull’efficienza energetica, e quindi il target del 30% diventerebbe solo “indicative”, e consentirebbe molte deroghe anche relativamente all’obiettivo annuale dell’1,5%, di fatto sterilizzandolo.

Francia e Germania, insieme al Portogallo, alla Danimarca, all’Irlanda si stanno opponendo a questo pericoloso passo indietro e se anche l’Italia, con il suo peso, decidesse di schierarsi finalmente con la parte più avanzata dell’Europa la manovra di maltesi e inglesi potrebbe essere bloccata. Noi riteniamo che sia stato un errore che il nostro Governo si sia fatto paladino di una proposta (che sembra verrà accettata) che di fatto aprirà la porta ad una riduzione dell’impegno a ridurre di 1,5% i consumi di energia per i consumatori finali dopo il 2025. Non è così che si danno certezze alle imprese e ai cittadini che voglio investire in efficienza e che ritengono – in linea con i principi ispiratori dell’Accordo di Parigi – tali impegni non vincoli appunto, ma opportunità di sviluppo.

Nella riunione di lunedì Lei avrà la possibilità, schierandosi con i suoi colleghi francesi e tedeschi, di impedire l’effettivo ridimensionamento di una delle disposizioni legislative più importanti e più “convenienti” per il nostro sistema produttivo. Difendere l’Europa e il nostro “sentire comune” significa anche spingere su innovazione come strumento della competitività. Non sarebbe comprensibile una scelta diversa che ci metterebbe sullo stesso piano di paesi “fossili” come il gruppo di Visegrad e la Spagna che ha fortemente contribuito a ridimensionare la leadership europea in materia di green economy e politiche per il clima, proprio quando questa sarebbe più necessaria.

Fiduciosi che voglia accogliere questo appello che le viene dalle imprese e dai cittadini,

la salutiamo cordialmente Francesco Ferrante, Vicepresidente Kyoto Club

Edoardo Zanchini, Vicepresidente Legambiente.

In allegato (pdf) la lettera.

lettera aperta (pdf)

Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list