Icona termometro del mondo
Temperatura del mondo a Gennaio 2014
Icona prezzo del petrolio
16 Aprile 2014
Prezzo del petrolio (NYC): 103,92 $/bbl
Icona prezzo del carbonio
16 Aprile 2014
Prezzo del carbonio (EU): 5,59 €/tCO2
Bandiera ItalianaEnglish Flag

NASCONDI IL PANNELLO DI RICERCA

News

[torna alla lista delle news]

19 Aprile 2012

Rifiuti, l’ecoriciclo è strategico per la manifattura italiana

Il riciclo fa bene all’ambiente e all’economia ed è strategico per la manifattura italiana. È quanto ha dichiarato Francesco Ferrante, senatore del Pd e Vice Presidente di Kyoto Club, oggi in occasione della presentazione dello studio “Il riciclo ecoefficiente. L’industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi”, a cura di Duccio Bianchi.

“Il riciclo dei materiali fa bene all’ambiente e fa bene anche all’economia: basti pensare che in Europa il settore del riciclaggio ha fatturato 145 miliardi di euro e ha creato occupazione per circa 2 milioni di persone, e in Italia occupa oltre 70mila persone ed è strategico per la nostra industria manifatturiera.”
È quanto ha dichiarato Francesco Ferrante, Vice Presidente di Kyoto Club e senatore del Pd presente oggi alla presentazione dello studio "Il riciclo ecoefficiente. L'industria italiana del riciclo tra globalizzazione e sfide della crisi" a cura di Duccio Bianchi, Istituto di ricerche Ambiente Italia.

“Attraverso il recupero dei materiali – ha continuato Ferrante - l’economia del riciclo contribuisce in maniera sostanziale all’eco-efficienza generale del sistema, determina significativi risparmi energetici e di uso di risorse non rinnovabili, consente apprezzabili riduzioni delle emissioni.
Il riciclo ecoefficiente permette evitare emissioni in atmosfera di 53 milioni tonnellate di CO2 a scala globale e circa 35 milioni in Italia, che costituiscono ben l’8% del totale italiano.”

“Il fatto che la cultura della raccolta differenziata sia entrata nella mentalità degli italiani non deve far distogliere l’attenzione sull’importanza cruciale del tema rifiuti.
Le istituzioni devono investire e impegnarsi maggiormente per mettere in condizione i cittadini e le imprese di avviare al recupero più materia, considerando che in questo Paese si incentiva il recupero di energia ma non quello di materia: una stortura rispetto alla gerarchia prevista dall'Europa che va corretta” – ha concluso Ferrante.


Torna in cima alla pagina Torna alla Home page Iscriviti alla mailing list

condividi